Aperitivi a corte: buone letture e buon cibo. Dialoghi con gli autori

Quasi tutte le sere, durante la FESTA ARTUSIANA 2021 dalle ore 19:00, torna la rassegna Aperitivi a corte con qualche novità unendo in un perfetto connubio dialoghi in presenza e interventi in collegamento streaming per raccontare e promuovere la cultura artusiana adattandola a nuovi linguaggi e nuovi strumenti. Un ricco programma di appuntamenti che renderanno Casa Artusi il palcoscenico ideale per confrontarsi sui temi d'attualità del mondo enogastronomico italiano. Al termine di ogni incontro è previsto un aperitivo nella corte di Casa Artusi con calice di vino del territorio locale e ricetta artusiana!

Eventi realizzati nell'ambito del progetto progetto "Artusi e la sua Romagna"

con patrocinio e sostegno della

Camera di Commercio della Romagna Forlì-Cesena e Rimini



INGRESSO LIBERO fino esaurimento posti

Gli eventi si svolgono nel rispetto delle disposizioni di legge a tutela della salute pubblica

e nel rispetto del protocollo contenimento Covid di Casa Artusi

(dal 06.08.2021 richiesto GREEN PASS Certificazione verde Covid-19 per partecipare agli eventi)

Possibile prenotazione del posto a sedere chiamando al numero +39 349 840 1818

Ogni appuntamento si può seguire in diretta streaming sulla pagina Facebook di Casa Artusi


Domenica 1° agosto

I luoghi di Dante nelle tavole di Massimo Tosi,

con presentazione di Giovanna Frosini, Federighi Editori 2021

Non poteva mancare, a conclusione delle celebrazioni artusiane che cedono il testimone a quelle dantesche, una riflessione sul grande poeta fiorentino. Artusi, mandandone a memoria le terzine della Commedia, riconosce Dante come maestro di lingua utilizzando, nel suo famoso ricettario che ha contribuito a costruire l’identità non solo gastronomica del popolo italiano, il fiorentino. L’occasione è offerta da una ricostruzione straordinaria dei luoghi che hanno accolto Dante nei vent’anni della suo doloroso esilio, cacciato con ignominia, accusato di baratteria, da Firenze... Le bellissime tavole acquerellate dell’autore riproducono con gli occhi di oggi quei luoghi su cui Dante ha posto sguardo e speranza, dalla Toscana alla Romagna, dove, a Ravenna, trova finalmente pace e gloria imperitura.

Dialoga con l’autore Massimo Tosi, il professor Paolo Rambelli, Assessore alla Cultura del Comune di Forlimpopoli

Segue un aperitivo!


Lunedì 2 agosto

Maurizio Martina, Cibo sovrano: Le guerre alimentari globali al tempo del virus, Mondadori 2020

In un mondo pieno di cibo, gli affamati rischiano di aumentare. La pandemia di Covid-19 ha colpito tutti i settori, compresi quelli del cibo. Per l’emergenza alimentare, infatti, il virus è stato un pauroso acceleratore, che ha aggravato una lista già lunga di criticità. Emerge dalla lucida analisi di Maurizio Martina, vicedirettore Generale FAO, invitato alla Festa Artusiana 2021, l’inadeguatezza di due visioni opposte, quella dei «globalisti» e quella dei «sovranisti». La sostenibilità, la sicurezza e la sovranità agroalimentare sono temi di assoluta importanza. Si tratta in definitiva di una grande questione democratica. E di un impegno per la libertà.

Dialoga con l’autore (in collegamento), Gianluca Bagnara Economista agroalimentare, Global Forum of Agricultural Research FAO

Segue un aperitivo!


Martedì 3 agosto

Natale Giunta Angelica Amodei, Io non ci sto. Il coraggio di un uomo contro la mafia, Rai libri 2021

Quando a marzo 2020 è scattato il lockdown, Natale Giunta, ristoratore e chef di fama internazionale, si è reinventato, ha trovato una strada alternativa per non andare a fondo e ha cercato, per quanto possibile, di rendere meno amari quei giorni ai suoi clienti. Che fosse un uomo dotato di tempra e coraggio, d'altronde, lo aveva già dimostrato diversi anni fa, nel 2013, quando ha denunciato i mafiosi che erano venuti a chiedergli il pizzo. Alla denuncia sono seguite quindi intimidazioni e minacce, in seguito alle quali Giunta è stato messo sotto scorta. La sua attività ha subito un duro colpo. Lo Chef ha reagito, non si è arreso a quello che è stato a tutti gli effetti un ricatto della criminalità e ha continuato a fare il suo lavoro, nella sua terra, una terra difficile, che solo grazie a persone che come lui non chinano il capo di fronte alle ingiustizie può nutrire la speranza di sconfiggere la mafia.

Dialoga con Natale Giunta (in collegamento), la vicesindaco Sara Pignatari, referente territoriale dell’Associazione “Avviso Pubblico” per la legalità

Segue un aperitivo!


Giovedì 5 agosto

Luca Iaccarino, Appetiti. Storie di cibo e di passione, prefazione di Mario Calabresi, EDT 2021

Il giornalista, scrittore e critico gastronomico torinese Luca Iaccarino raccoglie ventisei storie vissute in prima persona, che partono dal cibo per raccontare la vita che gli sta attorno, e viceversa. Avventure gastronomiche, di cui Iaccarino è stato il protagonista. Ha fatto il cameriere nel più famoso ristorante del mondo (l'Osteria Francescana di Massimo Bottura) e traversato il Mediterraneo a bordo di una nave di cuochi; ha provato il "social eating" e raggiunto Virgilio Martinez nel suo ristorante a Moray in Perù, a 3600 metri, nella valle degli Incas. Si è seduto a tavola con i bambini delle mense scolastiche; ha raggiunto Ferran Adrià nel suo futuristico centro ricerche catalano. Appetiti è un libro per golosi e gastronomi, ma anche per consumatori consapevoli.

Dialoga con l’autore, Mattia Fiandaca, Gastronomo.

Segue un aperitivo!


Venerdì 6 agosto

A tavola con i grandi, a cura dell’Associazione Case della Memoria, 2021

Cosa gustavano i grandi italiani fra le loro musiche domestiche? Cosa prediligeva mangiare Verdi, Rossini, piuttosto che D’Annunzio, Boccaccio, Pascoli e tanti altri ancora? Questo racconta il libro dal titolo esplicativo “A tavola con i grandi”, voluto dall’Associazione che unisce in una rete virtuosa un centinaio di case di personaggi illustri in ogni campo del sapere, dell’arte, letteratura, scienza, storia, distribuite da sud a nord del territorio nazionale e anche fuori d’Italia. Il cibo è cultura e questa opera rappresenta un pezzo di storia della cucina italiana, con contributi di Alberto Capatti, Direttore Scientifico di Casa Artusi e dei Maestri di cucina di chiara fama: Igles Corelli e Cristina Bowerman.

Partecipano i curatori del libro, Adriano Rigoli, Presidente e Marco Capaccioli, vicepresidente dell’Associazione Case della memoria

Laila Tentoni, Presidente Casa Artusi

Milena Garavini, Sindaco Comune di Forlimpopoli

Alessio Mammi, Assessore all'agricoltura e agroalimentare, caccia e pesca della Regione Emilia-Romagna


È previsto il collegamento con:

Gianmarco Tognazzi da Casa Tognazzi, Velletri

Attilia Gullino, Assessora alla Cultura del Comune di Saluzzo – Case Pellico, Radicati, Cavassa

Giuseppe Nuccio Iacono – Castello di Donnafugata, Ragusa

Eugenio Giani, Presidente Regione Toscana


Segue un aperitivo!


Sabato 7 agosto

Luca Cesari, Storia della pasta in dieci piatti. Dai tortellini alla carbonara, Il saggiatore, 2021

Storia della pasta in dieci piatti è un’opera dai molti volti: storia culturale del nostro paese dal punto di vista del cibo, gustosa rassegna di celebri e poco noti buongustai, perfino stravagante libro di ricette: dai «maccaroni» al ragù alla napoletana alla pasta al pesto – per guardare al nostro passato da un punto di vista inedito, alla riscoperta delle sorprendenti origini dei nostri piatti più iconici e amati. Scartabellando tra antichi ricettari e vecchie pellicole cinematografiche, Cesari dà vita a un grande racconto collettivo, traboccante di aneddoti rivelatori: i divi del muto Mary Pickford e Douglas Fairbanks che, dopo aver mangiato le fettuccine dal celebre ristoratore romano Alfredo, le resero il più popolare piatto italiano negli Stati Uniti; Orazio che cantava la misteriosa e antichissima lagana, da cui deriverebbero le nostre lasagne; fino alla ricetta della “vera” amatriciana, fatte salve le ulteriori versioni. Una lettura che riempie gli occhi, il cuore e la pancia, e che ci racconta una parte fondamentale di noi; quella che dalle Alpi alla Sicilia ci tiene tutti uniti di fronte alla stessa tavola: la pasta.

Dialoga con l’autore, Mila Fumini, Dipartimento di Studi Storici di Bologna

Segue un aperitivo!


Documenti