News EventiPagina 7

Pellegrino Artusi in Brasile non ha mai messo piede di persona. Ma è come se ci fosse stato. Il suo Manuale ha viaggiato in lungo e in largo nel grande Stato carioca grazie alla presenza di numerosi emigrati che l’hanno messo nella loro valigia e portato nelle loro case. Non deve destare sorpresa, quindi, il successo delle iniziative artusiane a San Paolo.

Il Comune di Forlimpopoli con la Consulta degli Emiliano Romagnoli nel mondo, grazie al sostegno dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna, in collaborazione con Casa Artusi e l’Associazione delle Mariette, hanno promosso il progetto “TUTTO FA BRODO” volto ad approfondire il tema della proposta di cucina italiana all’estero con eventi a San Paolo, con il Circolo Emiliano Romagnoli, e nelle cittadine di Salto e Itu con l’Associazione Emiliano Romagnoli Bandeirante.

Conferenze dedicate alla conoscenza di materie prime e vini a marchio DOP e IGP della Regione Emilia-Romagna, dimostrazioni e laboratori di cucina dedicati alla pasta fresca fatta a mano e naturalmente la Mostra “Pellegrino Artusi e l’unità d’Italia a tavola”, sono stati gli ingredienti che hanno visto protagonista l’Artusi con la presenza del professor Bruno Marangoni e di Corrada Ricci volontaria dell’Associazione delle Mariette.

Gli eventi si sono svolti, a San Paolo, presso Instituto Cultural Italo-Brasileiro, Faculdades Metropolitanas Unidas, Senac (il principale ente nazionale di formazione professionale turistico alberghiera con il quale Casa Artusi ha un accordo dal 2015), a Salto al Centro Giuseppe Verdi, e, a Itu, al centro sociale Casa Belem.

Il tutto alla presenza di professionisti, studenti, tantissimi curiosi e appassionati nei luoghi dell’incontro delle culture!

#italiantaste #vivereALLitaliana

Clicca qui per scaricare la presentazione del progetto Tutto fa brodo

Forlimpopoli – La cultura artusiana protagonista negli States: Chicago (Illinois), Madison e Milwakee (Wisconsin). L’occasione è stata la seconda edizione della Settimana della Cucina Italiana nel mondo che ha visto impegnati il Comune di Forlimpopoli e la Consulta degli Emiliano Romagnoli nel mondo, e l’Istituto Italiano di Cultura di Chicago. Tutti insieme nel progetto “Tutto fa brodo”, sostenuto dalla Regione Emilia Romagna, in collaborazione con Casa Artusi e l’Associazione delle Mariette.

Tante le iniziative nelle tre città americane unite dalla comune volontà di promuovere e approfondire la cucina italiana all’estero. Tra queste, l’esposizione della mostra su Pellegrino Artusi in 16 pannelli bilingue ospitata all’Istituto Italiano di Cultura a Chicago e realizzata in collaborazione con l’ufficio di Promozione Culturale all’estero della Regione Emilia-Romagna coordinato da Cristina Turchi. E ancora, il presidente del Comitato Scientifico di Casa Artusi, Massimo Montanari, ha parlato di “Pellegrino Artusi e la costruzione della cucina nazionale italiana” alla De Paul University presso l’Istituto italiano di Cultura, alla presenza del Console Giuseppe Finocchiaro, e presso l’Università del Wisconsin di Madison e Milwaukee.

Ma anche laboratori di cucina grazie alla scuola di Casa Artusi in collaborazione con l’Associazione delle Mariette: la volontaria Barbara Asioli, ha proposto laboratori di cucina dedicati alla pasta fresca fatta a mano. I Laboratori si sono svolti grazie all’ospitalità di Eataly Chicago, di Slow Food UW di Madison, delle università e dell’Osteria Papavero di Madison. E sempre Eataly Chicago ha visto esposto il pannello dedicato al decalogo Artusiano, ospitato per tutta la durata della Settimana della cucina italiana nel mondo.

Le iniziative sono state possibili grazie all’impegno e alla dedizione della Direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura di Chicago, Alberta Lai, e di Grazia Menechella docente presso la Wisconsin University di Madison.

#italiantaste #vivereALLitaliana

Clicca qui per scaricare la presentazione del progetto Tutto fa brodo

La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo giunge alla sua seconda edizione con l’obiettivo di promuovere a livello internazionale le tradizioni culinarie ed enogastronomiche quali segni distintivi dell’identità e della cultura italiana.

La seconda edizione si tiene dal 20 al 26 novembre 2017 all’insegna di: qualità, sostenibilità, cultura, sicurezza alimentare, diritto al cibo, educazione, identità, territorio, biodiversità.

A ciò si aggiunge l’opera di valorizzazione, anche a fini turistici, dei territori, degli itinerari dell’arte culinaria italiana, nonché della dieta mediterranea, uno degli elementi che rende l’Italia il Paese più sano del mondo.

Fondamentali, altresì, le attività di presentazione e internazionalizzazione dell’offerta formativa italiana del settore, al fine di attrarre talenti dall’estero e fidelizzarli all’uso dei prodotti italiani di qualità.

Il progetto s’integra con le azioni previste dal Piano per la promozione straordinaria del Made in Italy, promosso dal Governo al fine di potenziare la distribuzione e la presenza commerciale dei prodotti del vero agroalimentare italiano, nonché con gli obiettivi del Piano Strategico del Turismo 2017-2022, volto a dare rilievo ai territori meno conosciuti all’estero.

Seminari e conferenze, incontri con gli chef, degustazioni e cene, eventi di promozione commerciale, corsi di cucina, sono solo alcune delle attività previste. La cucina è raccontata anche attraverso iniziative di taglio culturale, come proiezioni di film e documentari legati al cibo, convegni, concerti, corsi di lingua, mostre fotografiche.

"The Extraordinary Italian Taste"

http://settimanacucinaitaliana.esteri.it/index.asp#home

Segui i nostri eventi in Argentina, Brasile, Stati Uniti, Cile, Perù, Olanda, Polonia, Cina e Filippine... sulla pagina Facebook di Casa Artusi

#ItalianTaste #artusi #artartusi

MOSTRA nella Rassegna Biennale di Mosaico Contemporaneo RavennaMosaico V edizionepatrocinata dal Comune di Ravenna in collaborazione con Casa Artusi.

Silvia Naddeo interpreta la ricetta dei Cappelletti all'uso di Romagna n. 7

del manuale “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene” di Pellegrino Artusi.

RAVENNA Niart Gallery, via Anastasi 4

dal 26 ottobre al 11 novembre 2017.

INAUGURAZIONE il 26 ottobre 2017 ore 18 con dimostrazione delle preparazione dei Cappelletti all'uso di Romagna (7) a cura dell'Associazione delle Mariette di Forlimpopoli

L'esposizione ripropone visivamente attraverso la scultura musiva, marchio di fabbrica dell’artista Silvia Naddeo, la ricetta dei cappelletti realizzandone tutte le fasi della creazione fino al piatto finito.

Il curatore della mostra è Felice Nittolo, mentre il testo di presentazione è affidato a Paolo Sacchini, storico e critico d'arte e Direttore della Collezione Paolo VI di Concesio (BS).

- La preparazione della ricetta oggetto della MOSTRA è stata realizzata in Scuola di Cucina Casa Artusi in collaborazione con l'Associazione delle Mariette di Forlimpopoli -

RavennaMosaico è un evento internazionale che mira a diffondere la conoscenza della città e del mosaico contemporaneo. Il festival trasforma la città in una vetrina aperta sul mondo nonché un laboratorio culturale di contaminazione e sperimentazione, amalgamando tradizione, patrimonio storico, contemporaneità, visibilità internazionale della comunicazione dell'offerta turistica.

Il Comune di Forlimpopoli, la Consulta degli emiliano romagnoli (Circolo Emilia-Romagna di San Paolo e Associação Bandeirante de Salto e Itú ) e Casa Artusi, con il sostegno dell'assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna, partecipano alla Settimana della Lingua Italiana nel mondo e alla 6° Settimana della Cucina Regionale Italiana dal 23 al 29 ottobre 2017 a San Paolo in Brasile.

Eventi ospitati e in collaborazione con dell’IIC San Paolo, settore scolastico del Consolato Generale d’Italia a San Paolo, SENAC San Paulo, Faculdades Metropolitanas Unidas (FMU) e Instituto Cultural Ítalo-Brasileiro (ICIB)

Tutti gli eventi sulla nostra pagina Facebook