APP-eritivi: applicazione per buone letture e buon cibo

FESTA ARTUSIANA 2017

dalle 19 alle 20 la CORTE di Casa Artusi è lo spazio ideale per incontrare e discutere con gli autori; segue un piccolo gustoso assaggio in abbinamento a un calice di vino del nostro territorio.

INGRESSO LIBERO


Domenica 25 GIUGNO 2017 ore 19

Kathryn Hughe The Short Life And Long Times of Mrs Beeton (Harper Perennial, 2005)

presentata da Linda Rossato

Pubblicato nel 2005, il volume è una interessantissima biografia di Isabella Beeton, contemporanea di Artusi, (nata a Londra nel 1836, nel quartiere di Cheapside, frequentato dalla borghesia londinese mediobassa) ed autrice di uno dei bestseller vittoriani più famosi al mondo: Mrs Beeton's Book of Household Managemen. Il libro spiega con dovizia di particolari quale sia il comportamento da adottare in diverse situazioni da una perfetta padrona di casa dell’epoca vittoriana: come abbigliarsi, come trattare la servitù, quali pietanze appropriate per un particolare evento, come prendersi cura della casa e della famiglia. Nel 1856 Isabella (nata Mayson) sposa Samuel Orchart Beeton, amico d’infanzia ed editore di fascicoli e periodici, attività che si rivelò decisiva per la fortuna del volume. Isabetta Beeton muore a soli 28 anni per una febbre puerperale; le sopravvive la sua opera, ininterrottamente ristampata e, dal 2013, anche tradotta in italiano, in versione ridotta, con il titolo Il libro di Mrs Beeton: Saggi consigli domestici per la Perfetta gentildonna (Nuova Editrice Berti).

Nel 2006, l’autrice Kathryn Hughes è consulente per la BBC per la realizzazione di “The secret life of Mrs Beeton” una miniserie televisiva sulla vita di Isabella, mai trasmessa in Italia.

Giornata di studio sulla traduzione gastronomica presso Ceub Bertinoro venerdì 23 giugno 2017

Writing Broadcasting and Translating Food


Lunedì 26 GIUGNO 2017 ore 19

Alan Friedman Questa non è l’America (Newton Compton, 2017)

presentato da Thomas Casadei

L’elezione di Donald Trump nel novembre scorso ha sorpreso e sconvolto molti osservatori. In occasione della lunga campagna elettorale del 2106, Alan Friedman ha intrapreso un lungo viaggio attraverso gli Stati Uniti d’America rappresentati senza filtri nella sua realtà quotidiana. Ne esce la fotografia di un paese lacerato, impaurito e rabbioso, dove l’esclusione e le disuguaglianze sociali sono evidenti e preoccupanti. E l’accesso al cibo diventa uno specchio dell’impoverimento, con larghe fette di popolazione (la “Società Walmart”, nella definizione di Friedman) che non hanno altra possibilità se non il cosiddetto junk food, o i prodotti economici e di bassa qualità della grande distribuzione.


Martedì 27 GIUGNO 2017 ore 19

Alberto Capatti Vegetit. Le avanguardie vegetariane in Italia (Cinquesensi, 2016)

presentato da Massimo Montanari

Vegetariano e Vegan sono termini che ci sono diventati sempre più familiari, proposti e rilanciati anche nelle riviste di cucina e nelle carte di ristoranti “generalisti”. Il fenomeno, non è però esclusivo dei tempi odierni e il movimento vegetariano in Italia ha una lunga storia, ricostruita mediante una minuziosa ricerca sui testi letterari e di cucina.

Pubblicati in gran parte da associazioni, i testi assumono i tratti di manifesti politici e si inseriscono in un contesto europeo nel quale il fervore delle comunità vegetariane rappresenta un indicatore culturale di primaria importanza, che qualifica il progresso civile e lo spirito critico dei consumatori, i quali riesaminando gli alimenti assegnano loro, accanto a quello nutrizionale, anche un valore sociale e spirituale.


Mercoledì 28 GIUGNO 2017 ore 19

Manuela Ricci, Sapore Marino (Minerva, 2016)

presentata da Piero Meldini

Difficilmente si associa la figura del poeta e romanziere Marino Moretti, così sobria ed essenziale, all’idea del cibo e della cucina. Questa antologia, curata dalla Conservatrice di Casa Moretti, ha il merito di selezionare e presentare pagine dedicate a case, pietanze e pranzi, per farci conoscere un aspetto poco noto dello scrittore.

Protagonista principale, è la cucina della sua Cesenatico, il paese di mare al quale lo scrittore è rimasto legato. Sono pagine in cui cibo e cucina sono lo spunto per un viaggio nella memoria, in cui forte è il taglio autobiografico, con uno stile pulito ed elegante, un’atmosfera a tratti nostalgica e crepuscolare dalla quale emerge il ruolo simbolico degli elementi e i momenti della vita domestica.


Giovedì 29 GIUGNO 2017 ore 19

Elide Casali, Il bambino e la lumaca. Rileggere Piero Camporesi (1926-1997) (Bononia University Press, 2017)

presentata da Giordano Conti

Nel libro viene ripercorso l’iter intellettuale scientifico e didattico compiuto da Piero Camporesi (di cui quest’anno ricorre il ventennale della morte )fra il 1970 e il 1997, a partire dall’edizione einaudiana della Scienza in cucina di Pellegrino Artusi fino a divenire il più grande storico italiano dell’alimentazione del Novecento. Attraverso l’Artusi, Camporesi approfondisce gli aspetti storici antropologici e folclorici della cucinaria e della corporeità declinate alla povertà e alla fame, ai regimina sanitatis e alla medicina con particolare riferimento all’età moderna e nella prospettiva del rapporto tra presente e passato, di critica alle mode e ai miti alimentari “dell’oggi”.


Venerdì 30 GIUGNO 2017 ore 19

Giotto, la casa, il colle di Vespignano (Masso delle Fate Edizioni, 2017 )
La pubblicazione propone una corposa raccolta di saggi che indagano, a partire dalla figura di Giotto bambino, l’intero territorio circostante, ricco di bellezze storico-artistiche e prelibatezze enogastronomiche. La Casa di Giotto, che come Casa Artusi aderisce all’ Associazione nazionale che riunisce le case-Museo per valorizzare l’opera di personaggi illustri nel campo della cultura, dell’arte, della scienza e della storia, si trova in località Vespignano, a Vicchio nel Mugello.
Il volume è presentato da Giuliano Paladini, Presidente dell’Associazione “Dalle terre di Giotto e dell’Angelico”e da Adriano Rigoli, Presidente dell’Associazione Nazionale Case della Memoria. Coordina l’incontro il Vice Presidente Marco Capaccioli. Partecipano il Sindaco del comune di Vicchio, Roberto Izzo e Fabrizio Scheggi, Associazione “Dalle terre di Giotto e dell’Angelico.


Si ringrazia per la collaborazione la Strada dei vini e dei sapori dei colli di Forlì e Cesena